"Le streghe sono tutte donne. Non voglio parlar male delle donne. In genere sono adorabili. Ma tutte le streghe sono donne: è un fatto."

(Roald Dahl, Le streghe)

 

Il progetto Dodici Lune di questo 2021 abbraccia l'immagine della strega. Connessa ai culti lunari e alla celebrazione del femminino, quella della strega è sempre stata una figura spesso vittima di pregiudizi e vessazioni di tipo ideologico, un simbolo della libertà femminile a cui non si poteva permettere espressione, e su cui si caricavano pesi morali e religiosi atti ad annientarne le possibili manifestazioni.

Ogni mese omaggerò quindi con una mia creazione una delle tante figure che appartengono alla mitologia e alle leggende delle streghe, per offrire una mia libera reinterpretazione di quello che l'immaginario femminile oltre le etichette che spesso gli hanno attribuito.

 

Per questo secondo appuntamento celebro l'immagine del sabba, la riunione delle streghe per eccellenza, ammantata di un velo di oscurità che voleva restituire un'immagine negativa della figura della strega in sé e delle sue pratiche.

L'aspetto sacrilego del sabba, legato al fatto che le antiche religioni erano in contrasto con quelle "ufficiali", è stato particolarmente montato durante i famosi processi contro la stregoneria. Nella sua più moderna accezione, il sabba (spesso neanche più definito con questo nome) è un incontro celebrativo in onore delle divinità, e un'occasione di liberazione di energie, nei quali la luna è sempre un'ospite fondamentale.

 

Sabba è quindi una creatura che gioca con l'immaginario oscuro più comune legato alle streghe, ma lo addolcisce con un tocco di lùnica sensualità. Il cammeo centrale 30x40 mm, realizzato con tecnica vetro su stampa, raffigura infatti due streghe avvinghiate in un affascinante volo sabbatico, ma la loro abbagliante bellezza è tutt'altro che demoniaca: è semmai la nudità delle figlie della natura, libere, anche solo per il tempo di una danza, dal peso delle convezioni. Il cammeo è completato da due ali membranose, che esaltano l'aspetto notturno, e da un pendente circolare con un'altra piccola falce lunare e una perla barocca nera. La parte più alta della collana invece si sviluppa con un pendente al centro, sempre a forma di falce rovesciata.

 

Sabba è il luogo ideale in cui si celebra la bellezza della notte, del lato oscuro, della danza estatica, del lasciarsi andare. Sabba non è solo credere di poter volare, ma esser certe di saperlo fare, senza trucco, pozione o inganno, bensì dopo aver abbandonato le zavorre che ci imprigionano le ali e il cuore.

Dodici Lune - Sabba

€ 46,00Prezzo
  • Componenti metallici in lega per bigiotteria nickel free.

    Vetro.

    Pietre naturali.

© 2021 by Hic Sunt Monstra. Proudly created with Wix.com

Hic Sunt Monstra di Simona Bonanni - P.Iva 06499490487

Sede legale: via Giuseppe Becherini 115 - 59100 Prato (PO)

E-mail: info@hicsuntmonstra.it

Cookie Policy     Privacy Policy  

  • Facebook Social Icon
  • Pinterest Social Icon
  • Instagram Social Icon
  • Twitter Social Icon