Il progetto Dodici Lune per l'anno 2020 incontra lo splendore delle antiche divinità, per proporvi dodici creazioni, una al mese, con un richiamo sia alla luna che alla antiche tradizioni, in una personalissima rivisitazione.

Per il mese di giugno  ho deciso di uscire dalla comfort zone del legame luna e femminile, per evocare invece una divinità maschile direttamente dall'Antico Egitto.

La connotazione maschile della Luna non è affatto insolita, anzi, secondo  molti studiosi è perfino più antica di quella con le dee, e permane, ai tempi nostri, nel genere maschile del termine "luna" presente in moltissime lingue. Il concetto di maschile e femminile nella mitologia è un fenomeno ricco e complesso, che non si esaurisce con l'attribuzione del mero genere sessuale. Dalla varia letteratura presente sull'argomento, arricchita anche di analisi recenti, ho estrapolato una piccola summa poi convogliata in un mio blog post, in cui ho aggiunto alcune considerazioni personali sulla figura della divinità maschile qui scelta per interpretare la lùnicità di questo mese: Thot.

Dio della Luna, della scrittura, del sapere, della magia, dell'alchimia, della misura del tempo e delle scienze, Thot era anche patrono degli scribi, ed era rappresentato sotto forma di ibis, o anche (più raramente) di babbuino. Nella mitologia egizia ha un ruolo indiscusso come divinità creatrice e fondatrice, che presiede ai più importanti rituali religiosi e civici.

Anche lui, come altre divinità lunari, era legato all'aldilà, in quanto partecipava, accanto ad Osiride, al giudizio delle anime. 

Molti sono quindi gli elementi che lo accomunano alle più tipiche divinità lunari, con in più la caratteristica che mi ha più particolarmente affascinato, ovvero quella della connessione con la scrittura e la sapienza. Quella di Thot è una dimensione colta, accademica, scientifica. Un aspetto che al femminile, soprattutto a partire da un certo periodo, viene sempre più negato, o non dato per scontato.

ll richiamo alla notte, che la luna evoca, concilia uno studio di tipo esoterico, di approfondimento di se stessi e dei propri potenziali. In più la luce della cultura spezza l'oscurità dell'ignoranza e della superstizione, esattamente come la Luna illumina anche le notti più buie. E' pertanto un dio particolarmente dedicato a quegli spiriti che del loro sapere fanno un segno della loro crescita come persone e come anime.

Thot si manifesta come un set indivisibile formato da una scatola libro in cardboard, decorata in colori sabbia e arricchita di un cammeo handmade 30x40 mm, tecnica vetro su stampa, con l'effige del dio e, in basso, di una figura di babbuino in metallo. Cinge il coperchio una fascia di garza invecchiata a mano, una piccola piuma in metallo e una pietra burattata di ametista.

All'interno della scatola, anch'essa foderata di garza, troverete una collana realizzata con svariate simbologie lunari/celesti, a partire dalla luna piena gialla realizzata sotto forma di cammeo di 20 mm, tecnica vetro su stampa, montato con un connettore a triplice cerchio rigido, da cui pende una fialetta in vetro che contiene piccole sfere sfaccettate di ametista, le stesse utilizzate anche nella catena, la cui lunghezza totale è sui  60 cm circa (30 cm per lato). 

L'ametista era una pietra cara agli antichi egizi e legata proprio al dio Thot per un'apparente somiglianza col mercurio, uno degli elementi alchemici per eccellenza, che quando bolle emette vapori viola. Era una pietra indossata come protezione sia fisica che spirituale. 

 

Thot sarà accompagnato da una fialetta di Sentore di Luna (sale rosa e puri oli essenziali) che conquisterà il vostro olfatto con profumi esotici e caldi. 

 

[Desideri poter realizzare una tua versione personale di Thot? Contattami per dettagli]

 

 

The Twelve Moons project for the year 2020 meets the splendor of the ancient divinities, to offer you twelve creations, one per month, with a reference to both the moon and ancient traditions, in a very personal reinterpretation.

The month of  June is dedicated to Toth, a male divinity with a full connection to Moon symbolism.  God of the Moon, of writing, of knowledge, of magic, of alchemy, of the measure of time (a subject closely related to that of lunar observation) and of the sciences and alchemy, Thot was also the patron of scribes, and was represented in the form of an ibis , or even (more rarely) of an ape.

In Egyptian mythology it has an undisputed role as a creative and founding divinity, who presides over the most important religious and civic rituals. He too, like other lunar deities, was linked to the afterlife, in that he presided, alongside Osiris, to the judgment of souls.

There are therefore many elements that unite him to the most typical lunar divinities, with in addition the characteristic that most fascinated me, namely that of the connection to writing and wisdom. Thot has a cultured, academic, scientific dimension. An aspect that is increasingly denied to women, especially from a certain period, or not taken for granted. The reference to the night, which the moon evokes, reconciles an esoteric type of study, with the deepening of oneself and one's own potentials. In addition, the light of culture breaks the darkness of ignorance and superstition, just as the Moon illuminates even the darkest nights.

Thot manifests itself as an indivisible set consisting of a cardboard book box decorated in sand colors, and enriched with a handmade 30x40 mm cameo (glass on print) with the effigy of the god and, at the bottom, the figure of an ape in metal. It's decorated on the lid by a band of hand-aged gauze, small metal feather and tumbled amethyst stone.

Inside, also lined with gauze, you will find a necklace made with various lunar / celestial symbols, starting from the yellow full moon made in the form of a 20 mm cameo, glass on printing technique, mounted with a triple rigid circle connector , from which hangs a glass vial containing small faceted amethyst spheres, the same used also in the chain, whose total length is about 60 cm (30 cm per side).

The amethyst was a stone dear to the ancient Egyptians and linked precisely to the god Thot for an apparent resemblance to mercury, one the alchemical element par excellence, which when boiling emits purple vapors. It was a stone worn as both physical and spiritual protection.

 

Thot will be accompanied by a vial of Sentore di Luna (pink salt and pure essential oils) that will conquer your sense of smell with sensual and exotic flavours.

 

[Do you want your own version of Thot? Contact me for details]

Dodici Lune: Thot

SKU: LUNA031
€ 60,00Prezzo
Tonalità metallo: Bronzo
  • Componenti metallici in lega per bigiotteria nickel free.

    Vetro.

    Pietre naturali.

     

     

© 2020 by Hic Sunt Monstra. Proudly created with Wix.com

Hic Sunt Monstra di Simona Bonanni - P.Iva 06499490487

Sede legale: via Giuseppe Becherini 115 - 59100 Prato (PO)

E-mail: info@hicsuntmonstra.it

Cookie Policy     Privacy Policy  

  • Facebook Social Icon
  • Pinterest Social Icon
  • Instagram Social Icon
  • Twitter Social Icon