Pan, dio delle foreste, è il membro d'onore di questa collezione In a Forest, dedicata a simboli, immagini, storie e leggende che nascono nella foresta e nella foresta tessono trame magiche ed evocative. La foresta non solo come dimensione naturale ma anche dell'animo e del sogno.

A Pan dedico una collana insolita, massiccia, esagerata, ma formata da pochi elementi e rifinita da un semplice cordino di cotone cerato che potrete tenere lungo o accorciare a piacimento.

Pochi i simboli che la compongono. Innanzi tutto un ritratto di Pan a stampa, incluso dentro una sfera di vetro con cornice in bronzo. La sfera è double-face: sull'altro lato troviamo il dettaglio pittorico di una foresta. La sfera è sigillata per preservare poi al meglio le immagini che contiene. Poi un corno in agata, montato con cappuccio fiorito in metallo anticato color verde rame. Infine una foglia con sfera di agata indiana. 

Nel complesso Pan è una creatura curiosa e intrigante, una via di mezzo tra uno stile tribale e un pezzo d'antichità. Il vetro della sfera è naturalmente opaco e invecchiato, e dona alle immagini uno stile sfumato e nebbioso, che ci spinge ad osservarle da vicino.

Dalle forti connotazioni sessuali, Pan (il cui nome richiama anche il tutto) era un dio irascibile, imprevedibile, selvaggio, da cui deriva anche il panico intesa come incontrollabile paura, quella che a volte ci sorprende in spazi ignoti in cui perdiamo i nostri punti di riferimento, e di cui la foresta è un esempio eclatante. Pan era anche un dio legato alla musica. Il suo flauto, nato da una ninfa sfuggita alle sue lusinghe, è spesso simbolo di una musica ammaliante e incantatrice. Nella sua foresta, quindi, ci si perde, ci si annulla, e ci si lascia andare alle sue danze. 

 

 

Pan, sylvan god, is the honorary member of this collection In a Forest, dedicated to symbols, images, stories and legends that are born in the forest and in the forest weave magical and evocative textures. The forest is not only a natural dimension but also of soul and dreams.

To Pan I dedicate an unusual necklace, massive, exaggerated, but formed just by a few elements and finished with a simple waxed cotton cord that you can keep long or shorten at will.

Few the symbols that compose it. First of all, a portrait of Pan as print, included in a glass rouns shadowbox with a bronze frame. The glass box is double-faced: on the other side we find the pictorial detail of a forest. The sphere is sealed to better preserve the images contained. Then an agate horn, mounted with a flowery cap in antiqued verdigris color. Finally a leaf with an Indian agate sphere.

Overall Pan is a curious, intriguing creature, a cross between a tribal style and a piece of antiquity. The glass of the sphere is naturally opaque and aged, and gives the images a nuanced and foggy style, which leads us to observe them closely.

With strong sexual connotations, Pan (whose name also recalls the whole) was an irascible, unpredictable, savage god, from which also panic - understood as uncontrollable fear - derives,  that is what sometimes surprises us in unknown spaces where we lose our points of reference, and of which the forest is a striking example. Pan was also a god of music. His flute, born of a nymph escaped from his flattery, is often the symbol of a bewitching and enchanting music. In his forest, therefore, you get lost, you cancel yourself, and you let yourself go to his dances.

 

 

Pan [In a Forest]

SKU: TRAD053
€35.00Prezzo
Tonalità metallo: Bronzo
  • Componenti metallici in lega per bigiotteria nickel free.

    Vetro.

    Pietre naturali.

    Cotone.

     

     

     

     

© 2019 by Hic Sunt Monstra. Proudly created with Wix.com

Hic Sunt Monstra di Simona Bonanni - P.Iva 06499490487

Sede legale: via Giuseppe Becherini 115 - 59100 Prato (PO)

E-mail: info@hicsuntmonstra.it

Cookie Policy     Privacy Policy  

  • Facebook Social Icon
  • Pinterest Social Icon
  • Instagram Social Icon
  • Twitter Social Icon