top of page
  • Simona

Lune di vento, Lune di terra

Aggiornamento: 4 apr 2023

Ciao, sono Simona, le mani, la mente e il cuore dietro al progetto Hic Sunt Monstra, e questo è il mio blog, dove vi parlo prevalentemente di artigianato e ispirazione. Scrivere è una mia grande passione, spero di riuscire ad coinvolgervi nel mio lavoro anche tramite i miei post.




Che grande passione è per me la Luna.

Quanti aspetti di lei mi affascinano e mi conquistano: i misteri, la mitologia e le leggende a lei legate, l'immaginario che la sua luce genera e che ancora ci coinvolge e ci porta in un mondo in cui Lei ha potere oltre la sua materia.


Come scrive Emiliano Russo nel suo volume/agenda "La magia della Luna": "L'universo si accorse che c'era bisogno di magia nel mondo, così creò la Luna, che divenne la prima Strega".

Io sono convinta che sia davvero successo così, e che di quell'energia nata da una mancanza noi ne abbiamo sempre bisogno.



Il viaggio attraverso le lune della tradizione folkloristica, che propongo nella mia collezione Lùnica così come su questo blog, è come un percorso a tappe per ricostruire la storia di parte dell'immaginario umano, quello più legato alla terra, ai cicli della Natura, e a un tempo speso a seguire ritmi così lontani da quelli di oggi.

Capire quelle tradizioni è darsi la possibilità di interpretare con occhio diverso certi desideri, certi bisogni universali che ci portiamo dentro: qualcosa che sta tra una pausa di riflessione e una ricerca di Poesia in un mondo che sembra essere sempre più arido di Meraviglia.

E la Luna, che da sempre è compagna della vita e del tempo, ci ricorda, con le sue metafore e la sua simbologia, che siamo tutti connessi a qualcosa di più grande dei nostri spazi abituali e delle nostre abituali certezze. Da regina delle stagioni, dei ritmi della Natura, dei cicli delle semine e dei raccolti è diventata anche signora dei racconti, dei misteri, delle pulsioni spirituali che ogni creatura umana porta in sé.



In più, la Luna ha ancora un grandissimo potere: quello di farci sognare.

E questo è un altro dei motivi per cui alla Luna dedico parte della mia creatività, interpretando, anche per questo mese di marzo, la Luna Piena della tradizione: la Luna dei Venti.


Nota anche come Luna del Verme, o Luna del Corvo, la Luna di marzo ha una forza ambivalente che chiama a sé il potere dell'aria e quello della terra, la simbologia di animali - i corvi - che si librano leggeri nel vento,sospesi tra due mondi (aldiqua e aldilà) e quelli di creature che invece scavano e mordono il terreno al buio per renderlo più morbido e fertile, ovvero i vermi.


Nella mia rilettura del suo significato, il messaggio che condivido è "al primo vento di primavera, sii la gemma di ciò che vuoi diventare."

La primavera non è lontana, e noi sentiamo letteralmente il bisogno di emergere ad una nuova vita. Eppure il ritmo della Natura ancora gioca con noi, e ci porta venti incalzanti e improvvisi.

Ciò non è sempre un male. Così come sotto la prima crosta di terra tante energie sono a lavoro per la rinascita, anche noi dobbiamo prepararci al cambiamento: il vento diventa allora simbolo di una forza capace di spazzar via ogni residuo di incertezza e di "vecchio", per cambiare aria, e fare posto alla nuova stagione della nostra anima.






La simbologia del vento mi ha fatto pensare molto al mito di Pandora. E mi ha fatto riflettere su come - a volte - quei vasi tempestosi sia necessario aprirli. Non solo come atto di ribellione, ma come gesto di pulizia: per - come dicevamo - assaggiare una nuova aria, spingere la polvere dei nostri vecchi gesti ad andarsene, e spargere oltre i piccoli confini del nostro io i desideri che per tutto l'inverno abbiamo così ben preservato.


Possiamo anche pensare ad una piccola ritualistica che ci renda il vento propizio: immaginare o sperimentare di persona una giornata all'aria aperta, e sentire il suo effetto su di noi, sulla nostra pelle, tra i capelli; oppure fare fisicamente qualche importante pulizia di primavera, una vecchia tradizione casalinga ormai persa che possiamo provare a riportare simbolicamente nei nostri spazi fisici e mentali. E poi, ovviamente, immaginare tutto il lavoro segreto della gemmazione dei nostri sogni: ancora delicati e giovani, ma finalmente pronti a sbocciare.




Alfredo Cattabiani, nel suo studio "Lunario", parla del mese di marzo come periodo di risveglio della Meraviglia, tema a me molto caro. Il rinnovarsi della vita genera sempre in noi un senso di stupore: è qualcosa che ci porta fuori dall'abitudine, perché di fatto, nella Meraviglia, nulla è dato per scontato, e ciò la rende perfino superiore alla conoscenza.

Di questo risveglio meraviglioso ci lascia un segno anche il culto lunare di Anna Perenna - celebrato dagli antichi Romani alle Idi di marzo. Anna Perenna era il ciclo lunare che si completava, la "perenne annualità" dello scorrere del tempo, ma anche il ritorno della luce. Non a caso in molti luoghi, inclusa la mia Firenze, il Capodanno si festeggiava a fine marzo, ufficialmente per la Festa dell'Annunciazione ma di fatto retaggio di antichi calendari lunari.


E ora un po' di spunti simbolici.

Alla Luna dei Venti si associano anche:

  • il colore verde delle manifestazioni di Flora che si risvegliano attorno a noi, dalle gemme ai germogli, ai primi fili d'erba;

  • la primula, che, come dice il nome, è il primo fiore che si fa strada attraverso la terra, ma anche la mimosa, simbolo della Giornata Internazionale contro la Violenza di genere;

  • tra le pietre legate a marzo, l'acquamarina, che aiuta la crescita interiore e la preveggenza, e stimola la fiducia nelle nuove imprese;

  • l'albero dell'ontano, simbolo di resurrezione;

  • la carta dei tarocchi dell'Imperatore, che indica e protegge i confini del nostro essere e quindi della nostra più intrinseca natura;

  • il numero tre, tipico di questo terzo mese, ma anche simbolo dell'unione dell'Unicità con il Dualismo, e quindi considerato perfetto.

  • la Dea Artemide, signora dei boschi, dei torrenti e della natura più selvatica: paladina delle donne, della sorellanza e protettrice dei nostri lati più selvaggi e indomabili.

Un mio pensiero particolare va al Femminile a cui, partendo dalla Giornata Internazionale della Donna, molte iniziative sono dedicate in questo mese di marzo. Possano nuovi venti soffiare anche in questa direzione.


Letture consigliate:

  • Alfredo Cattabiani - "Lunario" - ed. Mondadori

  • Patricia Monaghan - "Figure di donna nei miti e nelle leggende" - ed. Red!

  • Kenneth Grahame - "Il vento tra i salici"

  • Eva Cantarella - "Gli inganni di Pandora" - ed Feltrinelli


Il leitmotiv della collezione Lùnica per quest'anno sono le Lune Piene della tradizione folkloristica. Ogni creazione uscirà il giorno stesso della Luna Piena o, in caso caschi di weekend, o di festa, o a seconda di alcune mie esigenze, qualche giorno prima della stessa.

Sul blog uscirà invece un articolo di riflessioni e riferimenti relativi ad ogni singola Luna.

Trovate la collezione Lùnica qui sul sito.



Link Utili:



Comments


bottom of page