• Simona

Parola alle donne


A concepire questo blog post ci ho messo più che a ideare l'intera collezione. Qualche giorno fa vi ho presentato le prime creature della linea Parola alle donne , così, senza spiegarvi veramente bene la filosofia dietro questa collezione. Ma credo di essere ancora a tempo per rimediare.


Come ho scritto sui miei social, l'idea per quest'anno era di ripartire da due temi che amo molto: il femminile e la letteratura. Ma non solo. Diversamente dal passato, ho deciso che l'argomento scelto diventasse quello portante per tutto l'anno, un filo conduttore capace di creare una specie di mappa per affrontare al meglio il 2022.


L'idea di lavorare su una scelta di personaggi femminili della letteratura o evocare scrittrici a me care mi è piaciuta da subito. Sono cresciuta (e tutt'ora mi affido) con tante madri, sorelle, amiche che sono quelle donne che mi arrivavano e arrivano dalle pagine delle storie che leggo: dedicare loro i miei lavori è come dire loro grazie di avermi fatta arrivare fin qua. Ma è soprattutto ricordare come la scrittura sia stata spesso una possibilità di esprimersi, di urlare, di rivendicare diritti che nella quotidianità erano ignorati, così come di costruire i mattoni di una vita diversa. Arte come messaggio contro. Arte come mezzo per narrare l'inenarrabile. Arte come testamento, ma anche come volontà.


Ognuna delle mie donne vi parlerà in svariati modi. Forse per affinità, forse per contrasto. Nessuna di loro sarà un modello. Sarà semmai un messaggio, un esempio dei nostri molteplici modi di essere, mai perfetti ma tutti veri e vitali, a volte a distanza di secoli.

Ma non ci saranno solo le mie creature all'interno di Parola alle donne. Ho sempre definito le mie collezioni "eventi", perché alla fine hanno sempre smosso contatti e situazioni oltre la mia idea di vendita. Per questo 2022 ci aspettano quindi incontri con scrittrici contemporanee, con donne che usano la parola per abbellire questo mondo e migliorarlo, con cui parlerò di scrittura e di femminile per creare un cerchio di meraviglia che vada oltre quello che faccio io.


Questo è ciò che vi posso raccontare per ora. Se avete voglia di non perdere neanche un aggiornamento, seguitemi sui Instagram, iscrivetevi alla mia newsletter, cercate il mio canale su Telegram. Partecipate scrivendomi una mail, o un messaggio online, e facendomi sapere la vostra opinione.

E se poi volete fare vostra una delle mie creature, Parola alle donne ha già il suo spazio nel mio shop: potete passarci tutto il tempo che volete.